PUNTO 1-Unicredit pensa a 10.000 tagli,soprattutto in Italia,Austria e Germania-fonte

lunedì 14 settembre 2015 17:56
 

(Aggiunge dettagli)

di Daria Sito-Sucic

SARAJEVO, 14 settembre (Reuters) - Unicredit sta pianificando il taglio di 10.000 posti di lavoro sui circa 147.000 attuali nella revisione del piano che dovrebbe essere annunciata a novembre per dare una spinta agli utili.

Lo riferisce una fonte della banca aggiungendo che i tagli saranno principalmente in Italia, Germania e Austria. Per l'Italia la fonte ha ricordato che i tagli includono i 2.700 esuberi già previsti dall'attuale piano al 2018.

"I piani sono per 10.000 tagli", dice la fonte. "Saranno soprattutto in Italia, Austria e Germania", aggiunge, notazione condivisa da altre fonti vicine alla situazione.

Unicredit non ha commentato. Un portavoce ricorda le dichiarazione del Ceo. Federico Ghizzoni il 3 settembre, dopo indiscrezioni stampa su tagli per 10.000 dipendenti, aveva detto che ancora non c'erano "numeri concreti".

Alcune fonti parlano di tagli a livello di corporate centers per evitare duplicazioni ad esempio nella compliance o nel legal. Per i corporate centers in Austria e Germania si parla di tagli per almeno 1.500 unità in ciascuna delle due sedi. Da considerare che in Austria il cost/income per il 2014 era a 91% e in Germania a 80% rispetto a 61,5% della media del gruppo.

Ridurre i costi aiuterebbe Unicredit ad allontanare i timori di un aumento di capitale che, nonostante le ripetute smentite di Ghizzoni, periodicamente si affacciano sul mercato.

I numeri finali sono ancora oggetto di discussione così come il numero dei Paesi coinvolti, secondo alcune fonti. Un osservatore fa notare come il costo e il successivo risparmio del taglio di una posizione ad esempio in Austria siano molto diversi da una identica operazione in Italia o in un qualsiasi altro Paese.   Continua...