BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo, Shanghai non crede in ripresa

lunedì 7 settembre 2015 09:09
 

INDICE                        ORE  8,42    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     385,98       -0,65    467,23
 TOKYO                         17.860,47    0,38     17.450,77
 HONG KONG                     20.751,20    -0,43    23.605,04
 SINGAPORE                     2.856,34     -0,26    3.365,15
 TAIWAN                        7.986,56     -0,18    9.307,26
 SEUL                          1.883,22     -0,15    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 3.069,11     -2,88    3.234,68
 SYDNEY                        5.030,40     -0,20    5.411,02
 MUMBAI                        25.149,26    -0,21    27.499,42
 
    7 settembre (Reuters) - Toni negativi oggi per le borse dell'area
Asia-Pacifico, mentre i mercati continentali cinesi hanno riaperto i battenti
dopo quattro giorni di festività.
    L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,42 perde lo
0,65%. L'indice giapponese Nikkei ha chiuso in rialzo dello 0,38% al
termine di una seduta altalenante.
    SHANGHAI in apertura è arrivato a guadagnare fino all'1,8% dopo le
dichiarazioni del fine settimana da parte delle autorità cinesi di borsa che
puntavano a calmare il mercato, promettendo riforme più incisive e sottolineando
anche che in ogni caso l'economia mostra segni di stabilizzazione. Ma
successivamente l'indice ha continuato a oscillare tra terreno positivo e
negativo per poi chiudere in flessione del 2,5%.
    Perdita più contenuta per HONG KONG, in calo dello 0,43%.    
    TAIWAN, che aveva registrato un rialzo seguendo l'andamento dei
mercati cinesi, ha chiuso in ribasso di quasi lo 0,2%, SEUL dello 0,15%,
mentre la moneta locale, il won, ha toccato i minimi da quasi quattro anni
contro il dollaro.
    SYDNEY, perde lo 0,2%, dopo una seduta dominata dal nervosismo degli
investitori per la volatilità dei mercati cinesi e l'andamento della situazione
in Europa e Stati Uniti.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia