Utility, Fassino rilancia aggregazioni su modello Rwe tedesco

domenica 6 settembre 2015 12:37
 

CERNOBBIO, 6 settembre (Reuters) - Il sindaco di Torino e presidente dell'Anci, Piero Fassino, rilancia sull'ipotesi di creare in Italia il modello della grande utility, come la Rwe tedesca, previa fusione di tante realtà più piccole locali che faccia perno sui grossi player nel settore dei pubblici servizi, A2A, Hera e Iren.

"Mi pare che Iren e A2A stiano lavorando a espandere sia i propri settori che la presenza territoriale nella direzione di creare sempre di più dei grandi player sia nel campo dei servizi delle multiutility", ha detto Fassino interpellato a margine del workshop Ambrosetti in corso a Villa d'Este.

Il sindaco ritiene però "che questa strategia necessita di un quadro normativo e finanziario che deve trovare nella prossima legge di stabilità delle misure idonee. Se vogliamo passare dalla polverizzazione delle aziende dei servizi a grandi player di scala, forti, lo si puo fare sia se le imprese si mettono su questa strada, e lo stanno facendo, sia se c'è un quadro normativo e finanziario che accompagni questi processi".

Ieri il premier, Matteo Renzi, ha detto alla platea degli imprenditori riuniti a Cernobbio che occorre realizzare in Italia 2-5 gruppi di utility, che siano in grado di competere a livello internazionale.

"Iren, A2A e Hera stanno lavorando a espandere e a rafforzare la propria capacità sia di espansione territoriale che di business. Tanto più queste operazioni si consolideranno, tanto più si potrà riprendere un ragionamento di relazioni fra grandi player per fare come quello che in Germania esiste già da tempo, la Rwe", ha concluso Fassino.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia