A2A-Linea Group entro fine mese si decide su fusione, no proroghe - Valotti

sabato 5 settembre 2015 12:11
 

CERNOBBIO, 5 settembre (Reuters) - Entro fine mese si deciderà se proseguire o meno sulla strada della fusione fra A2A e Linea Group, la multiutility di Cremona, Crema, Pavia, Lodi e Rovato. Non sono previste ulteriori proroghe nelle trattative.

E' quanto sottolinea il presidente della superutility di Milano e Brescia, Giovanni Valotti, interpellato da Reuters a margine del workshop Ambrosetti in corso a Villa D'Este.

"Il 30 settembre si decide se andare avanti o meno, anche perché gli incentivi per gli enti locali che decidono di dismettere le loro quote scadono a fine anno", ha detto il manager. Che ha aggiunto: "Non sono previste altre proroghe".

Le trattative, avviate con una lettera di intenti a metà giugno, con durata fine luglio, sono state poi prorogate al 30 settembre. Nel frattempo sono stati scelti gli adviser - Banca Imi è adviser per A2A, Mediobanca per Linea Group - e la società lombarda ha potuto accedere alla data room di Linea Group.

La lettera sottoscritta fra i due gruppi prevede o l'accordo per un'aggregazione fra le due aziende o, in alternativa, per Linea lo sbarco in Borsa. A complicare la trattativa, la governance di Lgh, holding non controllata direttamente dai comuni, ma attraverso le società municipalizzate locali. Inoltre non è ancora chiara la posizione del comune di Rovato, uno dei principali azionisti di Lgh, l'unico non governato dal centrosinistra, ma dalla Lega Nord.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...