Prelios, amministratori rassegnano dimissioni, assemblea il 16/10

venerdì 4 settembre 2015 14:05
 

MILANO, 4 settembre (Reuters) - A seguito dei cambiamenti avvenuti nell'azionariato di Prelios, con l'uscita di Feidos 11, "tutti gli amministratori" della società hanno rassegnato le proprie dimissioni, con efficacia a partire dall'assemblea convocata per il 16 ottobre per deliberare sull'aumento di capitale da 66,5 milioni di euro, parte dell'operazione di spin off.

E' quanto si legge in una nota della società.

"Preso atto delle recenti modifiche nella compagine azionaria, tutti gli amministratori di Prelios hanno rassegnato le proprie dimissioni, con effetto dalla data della prossima assemblea degli azionisti", spiega il comunicato.

L'assemblea del prossimo 16 ottobre dovrà dare il via libera all'aumento di capitale annunciato a inizio agosto, per un importo massimo di 66,5 milioni di euro (incluso l'eventuale sovrapprezzo), con la garanzia delle banche finanziatrici sull'inoptato.

"Alla luce delle interlocuzioni intercorse con i principali azionisti, con particolare riferimento alla sottoscrizione del previsto aumento di capitale, la società è confidente che, in sede di rinnovo del consiglio di amministrazione, verrà garantita la necessaria continuità amministrativa e gestionale, anche per il successo del progetto strategico in corso e tenendo in considerazione i risultati positivi sin qui raggiunti", spiega ancora la nota.

Le quote di Feidos 11 (partecipata da Massimo Caputi, attuale vicepresidente di Prelios) sono state acquisite da Pirelli, Intesa Sanpaolo e Unicredit , in virtù dell'esercizio di un'opzione prevista dagli accordi che avevano portato Feidos nell'azionariato della società.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

  Continua...