Intesa SP, sì a salvataggio banche in difficoltà ma non con acquisizioni - Gros-Pietro

venerdì 4 settembre 2015 11:22
 

CERNOBBIO, 4 settembre (Reuters) - Intesa SanPaolo è disposta a intervenire per il salvataggio di Banca Marche, Banca Etruria e Carife, tutte e tre commissariate, attraverso il fondo interbancario ma non tramite l'acquisizione di uno dei tre istituti.

Lo ha detto il presidente del consiglio di gestione Gian Maria Gros-Pietro al margine del workshop Ambrosetti di Cernobbio commentando indiscrezioni riportate da Il Sole 24 Ore oggi.

"Noi non compriamo nessuna banca in difficoltà", ha detto Gros-Pietro.

"Se dobbiamo mettere i soldi per coprire i buchi, e vogliamo farlo, vogliamo vedere come vengono spesi. Sulle architetture non mi pronuncio, non è la nostra banca che gestirà questo processo, è la vigilanza che ci dirà cosa fare", ha aggiunto.

Il presidente del cdg di Intesa ha poi specificato che finora non si sono ancora definite né le cifre di un possibile intervento né le modalità di gestione, ma ha puntualizzato che Intesa SanPaolo non intende intervenire nella gestione delle tre banche in modo diretto, "lo farà il fondo interbancario con i suoi organi di governo".

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia