BORSA MILANO recupera ma resta in rosso, in rally Saipem, lusso, giù banche

venerdì 21 agosto 2015 12:56
 

MILANO, 20 agosto (Reuters) - I timori su nuovi rischi globali e i nuovi affondi degli indici asiatici continuano a tenere alta l'attenzione degli investitori sulle borse, Piazza Affari compresa, che però mostra buoni segnali di reazione.

Dopo le violente vendite dell'avvio, complici anche le scadenze tecniche, la borsa milanese recupera, pur rimanendo in rosso, grazie al rientro su alcuni titoli più venduti nelle ultime sedute.

La debolezza dei bancari appesantisce però l'indice, che flette leggermente rispetto al rally della mattinata, malgrado il sostengo dai dati positivi europei e in particolare dal Pmi delle Germania che conferma il buono stato di salute della prima economia della zona euro. .

"E' un mercato molto tecnico oggi. Il Pmi tedesco sopra le attese ha dato molta fiducia ai comparti industriali delle auto e chimica in Germania", commenta un trader.

"Credo che i livelli di apertura di oggi possano rappresentare una buona base per entrare in paesi come Italia, che hanno meno esposizione ai mercati asiatici rispetto alla Germania. Basta guardare inoltre a come hanno tenuto bene i bancari italiani negli ultimi giorni. In altre fasi la reazione del settore sarebbe stata ben diversa", aggiunge.

Per Icbpi "è ancora complicato, al di là dell'esplosione della bolla speculativa del mercato cinese e delle politiche di cambio seguite dalla banca centrale, quantificare dimensioni ed effetti globali del rallentamento di una delle più trainanti economie mondiali".

Secondo il broker tuttavia i livelli raggiunti dal mercato italiano lasciano spazio per una correzione.

Ulteriore volatilità sui mercati azionari è generata inoltre dalle tensioni politiche in Grecia alla luce delle dimissioni di Tsipras e le attese nuove elezioni anticipate.

Alle 12,35 circa l'indice FTSE Mib perde lo 0,89% dopo che a metà mattinata era arrivato ad annullare le intense perdite dell'avvio.   Continua...