Nestlé conferma target anno nonostante problemi India

giovedì 13 agosto 2015 10:29
 

ZURIGO, 13 agosto (Reuters) - Nestlé ha archiviato il primo semestre con una crescita organica superiore alle attese, confermando le stime per il 2015 nonostante il richiamo dei noodle istantenei Maggi in India, facendo affidamento sulla politica dei prezzi per contrastare le difficili condizioni di mercato.

Intorno alle 10, il titolo sale del 2%.

Il gruppo svizzero ha detto di aspettarsi una crescita delle vendite nell'intero anno di circa il 5%, nella parte bassa del proprio modello a lungo termine che prevede una crescita del 5-6%.

Nel primo semestre la crescita organica è stata pari al 4,5%, più del 4,3% atteso dagli analisti secondo un sondaggio Reuters.

L'AD Paul Bulcke ha spiegato che i risultati dei primi sei mesi sono in linea con le attese grazie alla crescita registrata in modo trasversale nelle diverse categorie e aree geografiche.

Nestlé, che conta marchi come Nescafe, KitKat e Perrier, ha registrato un fatturato in calo dello 0,3% a 42,84 miliardi di franchi svizzeri nei primi sei mesi, mentre le attese erano per un calo dello 0,1%.

L'utile netto è sceso del 2,5% a 4,52 miliardi di franchi, mentre le attese erano per un aumento del 2,3% a 4,74 miliardi.

Nestlé, come altri gruppi, risente del rallentamento della domanda in economie che sono sempre state molto dinamiche come Cina e Brasile, mentre in Europa la ripresa stenta a decollare. Inoltre la divisione indiana ha annuciato a luglio un calo dei ricavi di circa il 20% nel secondo trimestre, a causa del ritiro a giugno dei noodle Maggi a causa di preoccupazioni sanitarie.

  Continua...