BORSE ASIA-PACIFICO - Tonfo dopo ulteriore indebolimento yuan

mercoledì 12 agosto 2015 08:46
 

INDICE                        ORE  8,30    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        428,34     -2,22      467,23
 TOKYO                         20.392,77     -1,58   17.450,77
 HONG KONG                     23.943,30     -2,27   23.605,04
 SINGAPORE                      3.069,06     -2,66    3.365,15
 TAIWAN                         8.283,38     -1,32    9.307,26
 SEUL                           1.975,47     -0,56    1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.899,57     -0,72    3.234,68
 SYDNEY                         5.382,10     -1,66    5.411,02
 MUMBAI                        27.776,15     -0,32   27.499,42
 
    12 agosto (Reuters) - Tonfo per le borse asiatiche e le
valute dei mercati emergenti oggi, a cui si accompagna il calo
del settore delle materie prime, con lo yuan che si è
ulteriormente indebolito dopo la svalutazione a sorpresa di ieri
toccando i minimi da quattro anni.
    La banca centrale cinese, che ieri aveva svalutato di quasi
il 2%, ha abbassato di un altro 1,6% il cambio di riferimento
dello yuan all'interno di una banda di oscillazione.
    Il Fondo monetario internazionale ha accolto favorevolmente
la decisione di fissare il tasso 'midpoint' secondo modalità che
riflettano più l'andamento del mercato che obiettivi politici.
    Il calo di quasi il 4% in due giorni dello yuan ha
fortemente ridotto l'appetito per il rischio degli investitori,
che ora temono una guerra valutaria in grado di destabilizzare
l'economia globale.
    L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle
8,30 italiane perde il 2,22%. L'indice giapponese Nikkei 
ha chiuso in calo dell'1,58%.  
    A SHANGHAI sono particolarmente sotto pressione, per
il secondo giorno di fila, i titoli delle compagnie aeree: China
Eastern e China Southern perdono circa
il 7,9%, la rivale Air China il 6,3%.
    Situazione analoga a HONG KONG. Prada 
lascia sul terreno lo 0,8% circa.
    Chiusura in calo per SYDNEY, SEUL e TAIWAN
. 
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia