BORSA MILANO in calo con Saipem, Eni e banche, vola Italcementi

mercoledì 29 luglio 2015 12:54
 

MILANO, 29 luglio (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina in calo, tra borse europee leggermente positive. Non bastano quindi i rialzi del comparto cemento, galvanizzati dall'Opa su Italcementi, a compensare la debolezza di Saipem ed Eni e le prese di profitto su alcune banche.

Intorno alle 12,45 il FTSEMib scende dello 0,9%, l'Allshare cede lo 0,5% e il derivato sul FTSEMib testa il supporto di area 23.150. Volumi per 1,4 miliardi di euro.

In Europa il FTSEurofirst 300 sale dello 0,4%, i futures sugli indici Usa sono positivi.

L'inattesa cessione del controllo di Italcementi da parte della famiglia Pesenti, annunciata ieri a mercati chiusi, ha acceso i riflettori sull'intero settore. La controllata di Italmobiliare (+30%) sale di circa il 50% e si avvicina al prezzo dell'Opa tedesca (10,6 euro). BUZZI guadagna il 9%, CEMENTIR di oltre 5%, con Equita che parla di appeal speculativo (soprattutto per la prima considerata più attraente) sull'ipotesi di un percorso simile per le famiglie Buzzi e Caltagirone.

Sul fronte opposto SAIPEM cede il 7,6% trascinando con sé la controllante ENI. Le pesanti svalutazioni e la revisione dei target annunciate ieri alimentano i timori di un aumento di capitale.

Scendono le banche (piatte in Europa) colpite dai realizzi. UNICREDIT (su cui Equita "aumenta il sottopeso in portafoglio") perde il 2,75%, MPS cede l'1,6%, INTESA SP l'1,6%.

Cede l'1,8% FIAT CHYSLER dopo il rimbalzo di ieri. Prese di beneficio su MEDIASET.

Spunti al rialzo su FERRAGAMO e TOD'S, più tranquilla LUXOTTICA salita ieri in scia ai risultati.

Tra i titoli più piccoli vivaci il SOLE24ORE ed EI TOWERS dopo i conti annunciati ieri a mercati chiusi, si ferma la corsa di EEMS (in asta con -20%) che in sei sedute era salita del 100%.   Continua...