Eni, utile netto adj trim2 -84% a 0,14 mld, pesa impatto conti Saipem

giovedì 30 luglio 2015 08:04
 

MILANO, 30 luglio (Reuters) - Le svalutazioni annunciate da Saipem, scivolata in rosso nel secondo trimestre, pesano anche sui conti trimestrali Eni che chiude con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) su base consolidata di 0,14 miliardi di euro, in calo dell'84% rispetto allo stesso periodo 2014 e con un Ebit adjusted di 0,76 miliardi (-72%).

Una nota della società aggiunge che, escludendo l'apporto della controllata Saipem, l'ebit adjusted si attesta a 1,5 miliardi, in contrazione del 41% e il netto adjusted a 0,45 miliardi (-46%). A pesare anche la flessione dell'andamento del settore trainante l'E&P a seguito del crollo di circa il 44% del prezzo del petrolio.

Le stime Thomson Reuters/Ibes indicavano un netto adj di 483 milioni.

Il Cda della major ha proposto la distribuzione di un acconto del dividendo di 0,40 euro per azione, in linea con quanto anunciato dai vertici del gruppo in occasione del piano strategico a marzo scorso di una cedola per l'intero 2015 di 0,80 euro.

Forte balzo della produzione di idrocarburi a 1,754 milioni di boe/giorno nel trimestre (+10,7%) a 1,726 milioni boe/giorno nel semestre (+9%). Per l'intero anno la stima viene rivista al rialzo dal +5% a oltre il 7%.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia