Fiat Chrysler non vede impatti significativi da misure 'consent order'

lunedì 27 luglio 2015 20:07
 

MILANO, 27 luglio (Reuters) - Fiat Chrysler non prevede che il costo netto derivante dalle maggiorazioni riconosciute per il riacquisto di veicoli oggetto di tre campagne di richiamo e gli incentivi per i clienti "abbia un impatto significativo sulla sua posizione finanziaria, sulla sua liquidità o sui suoi risultati".

Lo comunica la società in una nota volta a chiarire la portata delle misure contemplate dal consent order del NHTSA, che oggi ha pesato sull'andamento del titolo.

"Tutte le maggiorazioni riconosciute per il riacquisto di veicoli oggetto delle tre campagne di richiamo e gli incentivi per i clienti saranno accreditati in diminuzione della somma di 20 milioni di dollari che FCA US ha convenuto di spendere in azioni migliorative, quale parte dell'importo di 105 milioni di dollari contemplato dal consent order", spiega il comunicato.

"Sebbene tali importi possano essere superiori a 20 milioni di dollari, contrariamente a quanto riferito da taluni resoconti di stampa, FCA non prevede che il costo netto derivante dall'offerta di tali ulteriori opzioni abbia un impatto significativo sulla sua posizione finanziaria, sulla sua liquidità o sui suoi risultati", conclude la nota.

Per i dettagli sulle misure:

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia