BORSE EUROPA in ribasso su timori Cina nonostante trimestrali positive

lunedì 27 luglio 2015 09:50
 

LONDRA, 27 luglio(Reuters) - Apertura di settimana negativa per i mercati azionari europei oggi, in linea con l'andamento dei mercati asiatici tutti al ribasso su timori legati al rallentamento dell'economia cinese.

Gli indici di borsa del vecchio continente sembrano avviarsi alla quinta seduta in perdita nonostante alcune trimestrali corporate oltre le attese.

Alle 9,33 italiane il paneuropeo FTSEuroFirst 300 cede l'1,17% dopo aver chiuso venerdì in perdita dello 0,93%, per la quarta seduta consecutiva. In linea con questo ribasso anche i benchmark di Parigi e Francoforte, lievemente meglio Londra grazie ad un rimbalzo dei minerari dopo una settimana molto volatile.

"La gran parte del calo viene dalla Cina... i mercati europei sono colpiti di riflesso", commenta Markus Huber, trader di Peregrine & Black.

"Credo che molti pensino che la Cina continui a rallentare, e questo rallentamento i mercati europei non lo hanno ancora scontato al momento".

Restano sullo sfondo le tensioni legate alla vicenda greca. La Borsa di Atene rimarrà ancora chiusa in attesa che venga emesso un nuovo decreto governativo sul mercato azionario, mentre si è ancora in attesa dell'avvio dei negoziati per il terzo bailout.

Tra i titoli in evidenza, UBS perde l'1,7% nonostante profitti oltre le stime, mentre Valeo è debole pur avendo rivisto al rialzo la sua guidance. Reckitt Benckiser sale dell',6% dopo aver aumentato i target di ricavi e margini.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia