BORSE ASIA-PACIFICO-Indici in calo, pesa Apple, occhio a industria Cina

mercoledì 22 luglio 2015 08:55
 

INDICE                        ORE  8,48    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     461,32       -0,95    467,23
 TOKYO                         20.593,67    -1,19    17.450,77
 HONG KONG                     25.268,71    -1,05    23.605,04
 SINGAPORE                     3.356,78     -0,43    3.365,15
 TAIWAN                        8.918,70     -0,97    9.307,26
 SEUL                          2.064,73     -0,91    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 4.029,20     0,29     3.234,68
 SYDNEY                        5.614,60     -1,61    5.411,02
 MUMBAI                        28.381,65    0,71     27.499,42
 
    
  22 luglio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono oggi praticamente
tutte in calo dopo la chiusura negativa di Wall Street, sull'onda dei deludenti
dati di giganti del settore tech, Apple in primis.
    Alle 8,48 ora italiana l'indice regionale dell'Asia-Pacifico MSCI
, che non comprende Tokyo, perde lo 0,95%. Anche il mercato
giapponese ha chiuso in calo, lasciando sul terreno l'1,2%.
    Nuovo ribasso anche per l'oro, che ha perso circa lo 0,7% a 1.090,50 dollari
all'oncia, dopo che ieri le quotazioni sono scese ai minimi da cinque anni.
    La piazza peggiore è stata quella di SYDNEY, che oggi ha chiuso a
-1,61%, interrompendo una serie positiva di sei sedute. Hanno pesato anche le
prese di profitto da parte degli investitori.
    HONG KONG perde l'1% (con Prada che guadagna oltre l'1,5%).
Gli analisti parlano di "correzione al ribasso" mentre la volatilità del mercato
diminuisce e aumenta la calma. Le borse cinesi sono reduci da due settimane di
rimbalzo che hanno fatto seguito a un mese di forti perdite. SHANGHAI,
che nei giorni scorsi ha recuperato quasi il 20% dopo aver toccato i minimi da
sette anni il 9 luglio scorso, guadagna lo 0,4%.
    Col mercato cinese in via di stabilizzazione, gli investitori tornano a
concentrarsi sulle condizioni economiche e sulla crescita dei profitti
aziendali. E proprio oggi il ministero dell'Industria e dell'Information
Techonology ha avvertito che il settore deve fare ancora i conti con le
pressioni al ribasso e che serve "un forte impegno" per stabilizzare l'economia,
mentre alcune aziende affrontano difficoltà crescenti nel fare profitti.
    TAIWAN perde quasi l'1%, con il settore tech trascinato al ribasso
dalla performance di Apple. In particolare calano Hon Hai Precision, azienda che
assembla iPhone, e Tsmc, fornitore di chip.
    SEUL registra il secondo peggior calo in due settimane, e chiude a
-0,9%, mentre MUMBAI è in controtendenza e guadagna lo 0,67%.
    
    Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia