BORSA MILANO in deciso rialzo spinta da banche, Fca, debole Mediaset

lunedì 20 luglio 2015 12:34
 

MILANO, 20 luglio (Reuters) - A Piazza Affari gli indici proseguono in deciso rialzo, in uno scenario europeo più sereno dopo il via libera al salvataggio della Grecia, con la riapertura odriena degli istituti di credito ellenici dopo oltre 20 giorni di chiusura.

"La vicenda della Grecia sembra stia andando verso la normalità e questo fa bene ai mercati", osserva un broker.

Intorno alle 12,30, l'indice FTSE Mib cresce dell'1,21%, mentre l'Allshare avanza dello 0,4%. Il benchmark europeo, l'indice Ftseurofirst300, guadagna lo 0,55%. Volumi contenuti pari a 1,3 miliardi di euro.

Raccolte le banche con INTESA SP che sale dell'1,7% e UNICREDIT dello 0,9%, MPS (+2,46%). MEDIOBANCA guadagna oltre il 4%; il pm Luigi Orsi ha chiesto oggi l'archiviazione per l'AD Alberto Nagel e per l'ex-patron di Fonsai Salvatore Ligresti per l'accusa di ostacolo all'autorità di vigilanza, nell'ambito di uno dei filoni di inchiesta della ex galassia Fonsai.

Le attese per operazioni di M&A spingono le popolari: POP MILANO (+1,8), POP EMILIA (+1,5%), BANCO POPOLARE (+2%) e UBI (+1,4%). "Il settore è sostenuto dalle attese di aggregazione fra i vari istituti", osserva un trader.

Forte anche l'asset management, con AZIMUT che sale del 4% e MEDIOLANUM con +1,6%.

FCA guadagna il 2,57% a fronte del settore Auto europeo in salita dello 0,6%. Oggi Exane Bnp ha tagliato il target price del 5% a 14,6 euro, confermando il rating a "neutral". Un trader cita anche l'ipotesi, riportata venerdì scorso da Reuters, di cessione di Magneti Marelli.

ATLANTIA sale dell'1,6% e risente in positivo del ritorno all'operatività del molo D dell'aeroporto di Fiumicino

Debole MEDIASET in calo dello 0,99% dopo il downgrade di Mediobanca che ha portato la raccomandazione a "neutral", ma ha aumentato il prezzo obiettivo a 5,15 euro da 4,98.   Continua...