Enel, ministero slovacco cerca advisor per quota Slovenske Elektrarne

venerdì 17 luglio 2015 15:32
 

BRATISLAVA, 17 luglio (Reuters) - Il ministero dell'Economia slovacco ha indetto una gara per cercare l'advisor che dovrà valutare l'eventuale acquisto di una quota del capitale di Slovenske Elektrarne (Se) da Enel, di cui il gruppo italiano ha messo in vendita il proprio 66%.

Lo ha detto un portavoce del ministero.

Il gruppo italiano ha messo in vendita la propria quota ma si è scontrato con l'opposizione del governo locale che non ha gradito l'idea di un'uscita integrale dal capitale da parte di Enel. Tanto più prima che sia conclusa la ristrutturazione del secondo blocco della centrale nucleare di Mochovce.

Il governo slovacco ha ipotizzato di acquisire una quota fino ad arrivare alla maggioranza in modo da permettere a Enel di riconsiderare l'uscita da Se.

La scelta dell'advisor verrà fatta in una rosa di tre potenziali gruppi, tutti già consulenti del ministero. Fra i concorrenti ci sono lo studio legale White&Case con la banca d'investimenti Wood&Co; la KPMG e gli avvocati Ruzicka Csekes; infine gli studi legali Havel e Holasek&Partners con i consulenti di Centire.

Il primo ministro slovacco, Robert Fico, avrebbe dovuto incontrare i vertici di Enel per discutere la questione a giugno. L'incontro però è saltato e, secondo quanto riferisce una fonte, dovrebbe avvenire a breve.

A Enel sono arrivate offerte dal gruppo privato EPH insieme a Slovnaft, un consorzio di petrolieri; dal gruppo ungherese Mol con i gestori della rete ungherese MVM. Anche China National Nuclear Corp (CNNC) ha manifestato interesse per Se.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia