Johnson & Johnson, utile secondo trimestre in crescita del 4%

martedì 14 luglio 2015 14:45
 

14 luglio (Reuters) - Johnson & Johnson ha registrato una crescita del 4% dell'utile trimestrale grazie alle vendite dei suoi farmaci storici che hanno compensato l'impatto del dollaro forte sul fatturato estero.

L'utile netto è così salito nel secondo trimestre a 4,52 miliardi, pari a 1,61 dollari per azione, dai 4,33 miliardi (1,51 dollari per azione) di un anno prima.

Escluse le poste straordinarie, l'utile ammonta a 1,71 dollari per azione, quattro cent in più del consensus Thomson Reuters I/B/E/S.

I ricavi sono scesi di quasi il 9% a 17,79 miliardi, sostanzialmete in linea con le attese di 17,75 miliardi.

Le vendite di prodotti medici sono calate del 12,2% a 6,36 miliardi.

Per l'intero esercizio J&J ha alzato le stime di utile adjusted per azione a 6,10-6,20 dollari grazie a elementi contabili favorevoli; gli analisti si aspettano ad oggi un risultato annuale di 6,14 dollari, secondo Thomson Reuters I/B/E/S.

Nel preborsa Usa, dopo la diffusione dei risultati, i titolo segna un rialzo dello 0,72% a 101 dollari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia