Tv, Discovery punta a pubblico generalista, raccolta cresce a 2 cifre

martedì 16 giugno 2015 16:47
 

MILANO, 16 giugno (Reuters) - Discovery Italia si prepara all'autunno con l'obiettivo di conquistare una fetta di pubblico della tv generalista e lanciando sul Web Dplay, nuova piattaforma di intrattenimento online.

Il gruppo - che per il semestre conferma una crescita a due cifre nella raccolta pubblicitaria - ha di recente acquisito dal gruppo L'Espresso il canale DeeJay, al numero 9 del telecomando, nel tentativo di avvicinare nuovi spettatori con un palinsesto più generalista rispetto alle altre sue reti come Real Time, DMax, Focus e Giallo, globalmente cresciute dallo 0,4% di share nel 2010 allo 7,5% di oggi.

"Per noi DeeJay tv è un'opportunità per andare ad incontrare nuovo pubblico con una fruizione di contenuti più nuova e avanzata", ha spiegato oggi ai giornalisti Marinella Soldi, AD di Discovery Italia e managing director Discovery Networks Southern Europe, che ha inoltre smentito l'ipotesi di passare ai vertici della Rai.

Per il day time, la rete manterrà lo storico programma con Linus "Deejay chiama Italia", mentre le serate comprenderanno una nuovo programma di documentari - "Boats" - condotto da Pif; un reality condito di nudisti con Vladimir Luxuria, oltre a film, quiz e serial tv.

Dplay, progetto pilota lanciato anche in Danimarca e Svezia, ha invece "l'ambizione di creare una nuova piattaforma di intrattenimento" per amplifare la fruizione dei programmi televisivi, ma anche creare contenuti ad hoc aggiuntivi, come ad esempio una progetto sulla comicità che vedrà coinvolti Fabio Volo e Geppi Cucciari.

Intanto la raccolta pubblicitaria continua a crescere, spiega Giuliano Cipriani, direttore generale Discovery Media. "Ad aprile e maggio c'è stata una contrazione del mercato, a giugno una riaccelerazione", ha spiegato a margine. "Per noi la crescita è a doppia cifra. L'auspicio è che il mercato ridistribuisca gli investimenti in base alla qualità dell'audience e all'innovazione".

(Ilaria Polleschi)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia