Fondazioni, mandato a Guzzetti per discutere con governo ruolo Cdp-fonti

mercoledì 10 giugno 2015 16:42
 

ROMA, 10 giugno (Reuters) - Mentre si continua a parlare di una imminente sostituzione dei vertici di Cdp, le Fondazioni al termine della riunione di oggi danno mandato al presidente Giuseppe Guzzetti di trattare con il governo il ruolo futuro e la mission della Cassa depositi e prestiti e sostengono il ruolo dell'attuale presidente della Cassa, Franco Bassanini, ricordando che la sua nomina per statuto dipende da loro.

E' quanto riferiscono a Reuters due fonti vicine alla situazione al termine della riunione di oggi dell'Acri, dalla quale si attendeva una parola dirimente sul futuro dei vertici di Cdp, in scadenza nell'aprile del 2016.

"Al termine dell'incontro delle 64 fondazioni azioniste di Cdp è stato dato mandato al presidente Giuseppe Guzzetti di incontrarsi con l'azionista di riferimento ed eventualmente con il presidente del Consiglio per avere un chiarimento su quale ruolo si intenda dare alla Cassa depositi e prestiti", hanno detto le fonti.

Secondo le fonti, "nell'incontro le fondazioni hanno ribadito l'apprezzamento per il ruolo che sta svolgendo il presidente Bassanini ed è stato ribadito che l'indicazione del presidente per statuto spetta alle Fondazioni".

Secondo diverse indicazioni apparse in questi giorni sulla stampa e confermate a Reuters due giorni fa da fonti, si sarebbe vicini da parte del governo alle nomina di Claudio Costamagna alla presidenza in tandem con Fabio Gallia, amministratore delegato.

Le Fondazioni controllano il 18,4% della Cassa e spetta loro per statuto la nomina del presidente (il Mef esprime l'AD).

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia