Mediaset,obiettivo Premium è abbonati,non utile, Netflix non spaventa-AD

mercoledì 10 giugno 2015 11:08
 

SANTA MARGHERITA LIGURE, 10 giugno (Reuters) - Lo scopo di Premium, la pay Tv di Mediaset, è di fare abbonati più che di generare utili, nell'ottica di rafforzare l'intero gruppo che non si sente minacciato dall'imminente arrivo in Italia del servizio di tv in streaming Usa Netflix.

Lo ha detto il vicepresidente e AD del Biscione Pier Silvio Berlusconi in occasione della presentazione della nuova offerta Premium.

"Leggo di cifre folli spese da Mediaset per Premium ma, siccome utilizza la banda, le strutture e i giornalisti del gruppo, di fatto dalla costituzione ad oggi ci è costata zero. Non ha peggiorato di un euro i risultati di Mediaset in passato. Per il futuro abbiamo lanciato una grandissima sfida che non è scontato che si vinca", ha dichiarato il manager facendo riferimento alla concorrenza con Sky e alla recente e costosa conquista dell'esclusiva sulla Champions League.

"Il nostro obiettivo non è quello di fare utile ma di fare abbonati, la pay tv è importante per far crescere Mediaset sotto tutti i fronti e per la creazione di valore", ha proseguito.

Quanto allo sbarco in Italia di Netflix, la pay Tv Usa che utilizza la banda larga, Pier Silvio Berlusconi ha commentato: "Non vediamo Netflix come nostro concorrente, perchè il nostro business è la tv generalista e gratuita e nel mondo della pay siamo sempre stati innovativi, come per esempio con Infinity (offerta di contenuti in streaming). Dunque non ci sentiamo così minacciati dall'arrivo di Netflix, anche perchè l'offerta di Premium non è paragonabile".

La Tv Usa, che offre contenuti on-demand in streaming e che ha prodotto serie di successo internazionale come House of Cards, ha ufficializzato il suo arrivo in Italia a ottobre dopo essere già approdata in altri paesi europei. Sky, principale operatore pay in Italia, ha risposto un mese fa alla sfida con la piattaforma di videostreaming Sky Online.

(Ilaria Polleschi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia