BORSE ASIA-PACIFICO - Contrastate su dati cinesi

lunedì 8 giugno 2015 09:11
 

INDICE                        ORE  8,55    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     483,69       -0,33    467,23
 TOKYO                         20.457,19    -0,02    17.450,77
 HONG KONG                     27.391,78    0,48     23.605,04
 SINGAPORE                     3.324,15     -0,29    3.365,15
 TAIWAN                        9.368,43     0,30     9.307,26
 SEUL                          2.065,19     -0,14    1.915,59
 SHANGHAI COMP                 5.129,98     2,13     3.234,68
 SYDNEY                        5.498,46     -0,11    5.411,02
 MUMBAI                        26.609,85    -0,59    27.499,42
 8 giugno (Reuters) - Azionario asiatico in ribasso nella prima 
seduta della settimana, con l'eccezione della Cina, e con gli
occhi degli investitori rivolti ai contrastanti dati
dell'economia cinese, che in maggio ha visto le proprie
esportazioni calare meno delle attese (-2,5%) mentre sono
crollate le importazioni (-17,6%).
    Sui mercati si sono anche sentite le preoccupazioni per i
dati dell'occupazione statunitense, diffusi la settimana scorsa,
che hanno aumentato le aspettative per un aumento dei tassi Usa.
    Poco prima delle 9,00 ora italiana, l'indice MSCI che
comprende le azioni dell'area Asia-Pacifico escluso il Giappone
 arretra dello 0,37% mentre Tokyo ha chiuso in
lieve calo dello 0,02%.
    Contrastati i mercati cinesi che vedono le blue chip
preferite ai titoli small cap. L'indice CSI300 
guadagna l0 0,7%. A spingere al rialzo sono stati i titoli dei
comparti bancari e dei trasporti. Al contrario l'indice delle
startup di Shenzhen è scivolato del 4,3% a causa
delle preoccupazioni degli investitori per un possibile
intervento regolatorio per frenare l'eccessiva valutazione delle
azioni.
    Cresce anche la piazza di Hong Kong, oltre lo 0,50%.
    SEUL chiude con un calo dello 0,14% al minimo delle ultime
11 settimane. Sul mercato hanno pesato le aspettative per il
cambio dollaro/yen e di aumento dei tassi Usa. Cheil Industries 
 ha perso il 3,1% e Samsung C&T il 2%
dopo che è fallita la scalata di Cheil alla società per le
costruzioni del gruppo Samsung. 
    TAIWAN ha chiuso piatta con l'indice in crescita
dello 0,3%. Nel corso della seduta hanno sofferto i titoli del
comparto tecnologico, -0,84% l'indice a causa delle
previsioni di risultati trimestrali fiacchi per il colosso Htc
 che ha lasciato sul terreno lo 0,91%. 
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia