BORSA MILANO debole con Europa su incertezze Grecia, rimbalzo Saipem, giù Carige

venerdì 5 giugno 2015 11:51
 

MILANO, 5 giugno (Reuters) - Piazza Affari è debole a fine mattina, in linea con gli altri mercati, sull'incertezza persistente nelle negoziazioni tra Grecia e partner europei mentre sembra attenuarsi l'effetto dovuto al sell off sul Bund tedesco dei giorni scorsi.

"Il sell off sul Bund sembra essersi fermato. Abbiamo visto ieri i minimi. Oggi si scende più per la Grecia", spiega un trader.

Alle 11,45 l'indice FTSE Mib cede l'1,01%, l'Allshare l'1,04%. Di poco migliore Londra, in linea Parigi e Francoforte. Volumi non brillanti pari a 1,12 miliardi di euro.

SAIPEM rimbalza di quasi il 5% dopo il crollo di ieri dovuto a indiscrezioni stampa su un aumento di capitale. Oggi la società ha corretto il tiro su un titolo di un quotidiano che le attribuiva la conferma di una maxi ricapitalizzazione. I volumi sono superiori alla media. Ieri Consob ha deciso il divieto temporaneo per le vendite allo scoperto. Lo stoxx europeo dell'energia (+0,18%) è poco mosso, mentre l'azionista ENI cede lo 0,13%.

BANCA CARIGE scivola del 6,35% alla vigilia dell'avvio dell'aumento di capitale da 850 milioni. "Lunedì parte l'aumento. E' un movimento che ci sta", spiega un trader. Gli analisti prevedono una certa volatilità dei corsi dato l'impatto iperdiluitivo dell'operazione anche se sarà inferiore a quello osservato com MPS. Volumi sopra la media.

Generalmente deboli i bancari in linea con lo stoxx europeo .

Fuori dal listino principale si segnala SARAS (+3,78%) promossa a 'overweight' da Barclays con target price a 2 euro.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...