Grecia, creditori chiedono aumento iva da 1% pil, taglio pensioni di pari entità

giovedì 4 giugno 2015 14:56
 

ATENE, 4 giugno (Reuters) - I creditori della Grecia hanno chiesto ad Atene di impegnarsi a vendere asset pubblici, a procedere con tagli delle pensioni e con l'impopolare riforma del lavoro, in una serie di richieste che vanno ben oltre le 'linee rosse' fissate dal governo ellenico.

E' quanto hanno riferito a Reuters fonti a conoscenza della proposta, che affidata a un documento di cinque pagine, e presentata al premier Alexis Tsipras ieri a Bruxelles, vede i rappresentanti di Ue e Fmi chiedere ad Atene di ridurre le spese per le pensioni dell'1% del Pil.

I creditori inoltre hanno chiesto alla Grecia di raccogliere altri 1,8 miliardi - ancora 1% del Pil - aumentando le aliquote Iva all'11 e al 23% per prodotti che vanno dai medicinali all'elettricità.

Ue e Fmi chiedono anche che Atene elimini le agevolazioni sulle pensioni minime, il cosiddetto 'Ekas', per risparmiare 800 milioni entro il 2016, in una richiesta che, se accettata, costringerebbe Tsipras a violare il poprio impegno a evitare altri tagli alle pensioni. La proposta inoltre contiene la richiesta di un aumento del contributo per la sanità da parte della popolazione.

Tra le altre richieste finalizzate a ricevere nuovi aiuti, la privatizzazione dell'operatore della rete elettrica Admie, del porto del Pireo e di Salonicco, dell'ex complesso aeroportuale di Hellenikon, di Hellenic Petroleum e dell'operatore di telecomunicazioni Ote.

Alcuni esponenti del partito di Tsipras si oppongono con forza alla privatizzazione di alcuni degli asset menzionati, come Asmie ed Hellenikon.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia