PUNTO 1-Fiumicino, Adr si associa ad Enac per operatività scalo a 80%

venerdì 29 maggio 2015 19:37
 

(Unifica con pezzo precedente)

ROMA, 29 maggio (Reuters) - Visti i risultati delle analisi resi noti oggi dalla Asl, Adr si associa alla decisione dell'Enac di mantenere l'operatività dello scalo romano di Fiumicino all'80%.

E' quanto si legge in una nota della società di gestione dell'aeroporto che nel pomeriggio aveva chiesto all'Enac di ridurre l'operatività al 60%.

"Aeroporti di Roma prende atto con soddisfazione dei risultati oggi comunicati dalla Asl Roma D in relazione alle analisi effettuate presso il Terminal 3 dell'aeroporto Leonardo da Vinci e si associa alla decisione presa da Enac di mantenere all'80% l'operatività dello scalo", si legge nella nota di questa sera.

Oggi pomeriggio il gestore che fa capo al gruppo Atlantia aveva scritto che la richiesta di ridurre l'operatività al 60%arrivava "a seguito delle gravi preoccupazioni da parte dei lavoratori aeroportuali riguardanti la salubrità dei luoghi di lavoro, dovute alla mancata comunicazione da parte delle Autorità competenti delle analisi comprovanti il relativo stato della struttura aeroportuale coinvolta dall'incendio del 7 maggio".

Due giorni fa Enac aveva disposto la riduzione dell'operatività all'80% "a seguito del provvedimento di sequestro preventivo del Molo D dello scalo da parte della Procura della Repubblica di Civitavecchia".

Il sequestro è conseguente all'indagine avviata dopo l'incendio che ha devastato il Terminal 3 dell'aeroporto nella notte fra il 6 e il 7 maggio scorso.

L'amministratore di Adr, Lorenzo Lo Presti, è indagato con altre persone dalla Procura di Civitavecchia perché, secondo i magistrati, non avrebbe tutelato la salute dei lavoratori nei giorni successivi all'incendio.

Adr ha sottolineato che nel provvedimento di sequestro emesso dal magistrato "non si fa alcun cenno alla diossina che, tra l'altro, è stata sempre rilevata al di sotto dei limiti internazionali".   Continua...