PUNTO 1-Fifa, Blatter presidente per la quinta volta, si ritira lo sfidante

venerdì 29 maggio 2015 19:44
 

(Aggiorna con prima votazione)

ZURIGO, 29 maggio (Reuters) - Il discusso capo del calcio mondiale, Sepp Blatter, è stato rieletto alla presidenza della Fifa, per il quinto mandato, malgrado le crescenti richieste di sue dimissioni dopo lo scandalo sulla corruzione nel mondo del pallone che nei giorni scorsi ha portato a nove arresti.

Blatter ha conquistato la presidenza dopo che il suo sfidante, il principe giordano Ali bin Al Hussein, si è ritirato dopo aver ottenuto 73 voti (contro i 133 del presidente uscente) al termine della prima votazione. Sarebbe stato necessario svolgere una seconda votazione dato che nessuno dei due era riuscito ad accaparrarsi il due terzi dei voti.

"Oggi faccio appello all'unità e allo spirito di squadra in modo da andare avanti insieme", ha detto Blatter, che ha preso le distanze dallo scandalo, aprendo l'assemblea stamane a Zurigo. "Può non essere sempre facile ma siamo qui insieme oggi per gestire i problemi che sono stati creati. Siamo qui per risolverli".

"Penso che il punto importante oggi sia la trasparenza. Sia capire dove la Fifa si trova nel mondo. E' la lotta contro la corruzione, contro le partite truccate, il razzismo e la discriminazione che ancora abbiamo. Mostriamo al mondo che siamo in grado di gestire la nostra istituzione e che possiamo farlo insieme".

Nove dirigenti calcistici e cinque manager legati al mondo dei media sportivi e delle promozioni sono accusati dai magistrati Usa di corruzione per oltre 150 milioni di dollari di tangenti.

Anche le autorità svizzere hanno annunciato un'indagine penale sull'assegnazione dei prossimi due Mondiali, che si giocheranno in Russia nel 2018 e in Qatar nel 2022.

Ad aggiungere pressione sulla Fifa e Blatter, ci sono le richieste di maggiore trasparenza da parte di grossi sponsor, come Adidas, Visa e Coca Cola, che finora hanno solidamente sostenuto l'organizzazione malgrado le accuse di tangenti e corruzione.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia