Pop Milano vuole essere tra i primi nell'arena delle fusioni -AD

mercoledì 27 maggio 2015 20:00
 

MILANO, 27 maggio (Reuters) - Popolare Milano vuole essere tra le prime a giocare un ruolo nel consolidamento bancario atteso in seguito alla riforma sulla trasformazione delle principali popolari in spa.

Lo ha detto l'AD Giuseppe Castagna a margine di un convegno di Sace, aggiungendo che la creazione di un nuovo gruppo bancario non può prescindere dall'avere una sede a Milano.

"Credo che saremo tra i primi a buttarci nell'arena delle aggregazioni", ha detto Castagna sottolineando che è necessario tuttavia esaminare con attenzione le opportunità che si presenteranno.

L'AD non ha dato indicazioni sulla tempistica ma ha spiegato che i tempi si stanno allungando anche perché le banche attendono le disposizioni attuative della riforma delle banche popolari da parte della Banca d'Italia.

"Aspettiamo le disposizioni di Banca d'Italia. Da lì ci sono 18 mesi e ogni mese è quello buono".

Quanto al possibile partner, Castagna si è limitato a dire che "stiamo guardando ad ampio raggio". Ha quindi aggiunto che nella scelta "il tema non è solo industriale ma anche di governance e Bce".

Un'eventuale soluzione di sistema alla questione dei crediti deteriorati "potrebbe cambiare lo scenario", ha aggiunto.

Per quanto riguarda il tema della sede dell'eventuale nuovo gruppo bancario che nascerebbe da un'integrazione, "il posto ideale è Milano. Questo non vuol dire che saremo noi a guidare l'aggregazione perché ci sono discorsi da fare insieme al partner. Ma dovendo fare business in Italia non può che essere a Milano".

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia