Italmobiliare deciderà a settembre se uscire da patto Mediobanca - AD

mercoledì 27 maggio 2015 13:10
 

MILANO, 27 maggio (Reuters) - Italmobiliare deciderà a settembre se rimanere nel patto di Mediobanca , tenendo presente l'importanza della diversificazione e della liquidità del portafoglio.

E' quanto spiegato dall'AD Carlo Pesenti a margine dell'assemblea.

"A settembre decideremo cosa fare, se rimanere o no e con che quota di azioni", ha risposto Pesenti ai giornalisti, sottolineando che la società farà "considerazioni di carattere strategico", tenendo conto della necessità disinvestire per mantenere un buffer di liquidità sufficiente e di diversificare il portafoglio.

Il patto di sindacato di Mediobanca, che raccoglie il 31,44% del capitale di Piazzetta Cuccia, scade a dicembre 2015 con possibilità di disdette entro fine settembre. La soglia minima per il rinnovo automatico del patto è fissata al 25% del capitale.

"Si va verso la definizione di nuove politiche di investimento, il 2015 sarà un anno di transizione per Italmobiliare", ha spiegato ancora Pesenti. "Oggi la liquidità del portafoglio è fondamentale", ha aggiunto.

Attualmente Italmobiliare ha circa l'1,56% di Mediobanca vincolato nel patto, mentre non ha quote residue fuori dal patto, come confermato dallo stesso AD.

Durante l'assemblea, l'AD ha ricordato che la società ha alleggerito l'esposizione verso il settore bancario "non più in grado di garantire le performance economiche del passato".

"Vedremo cosa fare della partecipazione in Mediobanca. Abbiamo alleggerito l'esposizione verso il settor bancario, ribilanciando il nostro portafoglio e uscendo da Ubi e Unicredit", ha spiegato l'AD.

  Continua...