Paolo e Nicola Bulgari rinviati a giudizio per evasione fiscale - fonte

martedì 26 maggio 2015 14:38
 

ROMA, 26 maggio (Reuters) - Nicola e Paolo Bulgari, eredi della famosa azienda italiana del lusso, sono stati rinviati oggi a giudizio insieme ad altre 11 persone per una presunta maxi-evasione fiscale, ha riferito una fonte giudiziaria.

La vicenda, dice la fonte, si riferisce alla creazione di una società in Irlanda, per garantirsi un'aliquota fiscale più bassa, e a un sistema di triangolazione che include anche Svizzera e Paesi Bassi e che, secondo i magistrati inquirenti, sarebbe servito a frodare il fisco italiano per alcuni anni.

I fatti contestati si riferiscono al periodo compreso tra il 2006 e il 2010, prima cioè che l'azienda finisse sotto il controllo della francese Luis Vuitton.

Per la stessa vicenda nel 2013 erano stati sequestrati dalla magistratura beni per oltre 45 milioni di euro, tra cui gli storici uffici di via dei Condotti a Roma.

Il processo si aprirà il prossimo 13 ottobre.

Non è stato possibile per il momento avere un commento da parte dell'azienda e dal legale della famiglia Bulgari.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia