Borsa Milano torna in positivo, Mps e Carige in asta dopo forti cali

martedì 26 maggio 2015 11:37
 

MILANO, 26 maggio (Reuters) - A fine mattina Piazza Affari ritorna in territorio positivo, sfuggendo alla debolezza delle altre borse europee, in un clima comunque cauto sulla scia delle elezioni locali in Spagna e dello stallo delle trattative tra Grecia e creditori.

Intorno alle 11,35 l'indice FTSE Mib avanza dello 0,25%, mentre il benchmark europeo FTSEurofirst, all'indomani della chiusura di una serie di mercati per festività, cede lo 0,22%. Sulla piazza milanese, volumi per un controvalore di 1,4 miliardi di euro circa.

MPS è rientrata in asta di volatilità dopo aver segnato un calo del 12,38% a 1,875 euro. I diritti cedono invece il 12,21% a 5,39 euro per azione.

Anche BANCA CARIGE, sotto pressione in vista del prossimo aumento, è entrata in asta di volatilità dopo un calo del 7,6%.

Tonici i titoli del lusso, con TOD'S, FERRAGAMO e LUXOTTICA nella parte alta del listino principale. Un broker ricorda il taglio dei dazi in Cina su scarpe, cosmetici e abbigliamento.

In rialzo anche EXOR (+1,86%). PartnerRe chiederà ai propri soci di votare a favore della fusione con Axis, dopo che Exor ha rifiutato di migliorare la propria offerta. Positive anche FCA e CNH INDUSTRIAL .

Amplia le perdite di ieri BUZZI.

In territorio negativo ENI e SAIPEM, in sintonia con il settore oil&gas negativo a livello europeo.

Bancari senza una decisione precisa. INTESA SP e UNICREDIT mostrano un lieve calo, mentre POP MILANO avanza dell'1,3%.   Continua...