Banche, si attenua calo prestiti, segni positivi da qualità credito - Visco

martedì 26 maggio 2015 10:40
 

ROMA, 26 maggio (Reuters) - Ci sono segni di miglioramento dell'attività del credito delle banche e nel primo trimestre hanno dato segnali positivi anche gli indicatori di qualità del credito e della redditività.

Lo rileva il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, nelle sue Considerazioni finali, lette all'assemblea dei partecipanti.

"In marzo i prestiti alle imprese erano del 2,2% più bassi di un anno prima, con una forte attenuazione della caduta che osserviamo da tre anni", ha detto Visco.

Le condizioni del credito restano però "eterogenee", osserva il governatore. "Nei settori per i quali la ripresa è più lenta, in particolare nelle costruzioni, si registra invece tuttora una flessione".

Anche se la recessione sta lasciando segni duraturi sui bilanci delle banche, "nel primo trimestre di quest'anno la qualità del credito e la redditività dei maggiori gruppi bancari hanno dato segni di miglioramento".

Visco ricorda i grandi numeri di questo problema.

Alla fine del 2014 la consistenza delle sofferenze "è arrivata a sfiorare i 200 miliardi, il 10% del complessi dei crediti; gli altri prestiti deteriorati ammontavano a 150 miliardi, il 7,7% degli impieghi".

Come già fatt in altre occasioni, Visco ha anche toccato il tema delle regole sul capitale e i criteri sugli obiettivi patrimoniali che le banche dovranno mantenere.

"Si stanno definendo i criteri con cui saranno fissati in futuro gli obiettivi di capitale delle banche. L'esigenza primaria di garantire la solidità delle singole istituzioni andrà soddisfatta senza attenuare, in questa fase di ancora incerta ripresa, la capacità complessiva di erogare credito all'economia".   Continua...