Pop Milano,probabile due advisor per M&A,no contrasti tra Cdg e Cds-Anolli

lunedì 25 maggio 2015 12:48
 

MILANO, 25 maggio (Reuters) - Pop Milano sceglierà probabilmente due advisor che accompagneranno la banca nella scelta delle possibili aggregazioni anche se al momento il processo è in corso e nessuna decisione è stata presa.

Lo ha detto Mario Anolli, presidente del Cdg di Bpm a margine di un incontro con il Comune di Milano a palazzo Marino.

"Presumiamo di si, ma al momento non c'è nulla", ha risposto Anolli a chi gli chiedeva se l'orientamento della banca fosse quello di scegliere due advisor.

Il presidente ha comunque smentito indiscrezioni stampa di contrasti tra il Consiglio di gestione e il Consiglio di sorveglianza sulla scelta dell'advisor e l'ipotesi di due mandati per conto rispettivamente dei due board.

"Uno a testa direi proprio di no, c'è grandissima collaborazione, sarà una scelta condivisa", dice Anolli che aggiunge: "Di solito chi paga gli advisor è la parte gestionale".

Tuttavia, sottolinea Anolli "non sono testimone di nessuno screzio" tra Cgd e Cds. "Ognuno lavora nell'ambito delle proprie responsabilità, c'è un confronto di idee", spiega.

Nel processo di scelta dell'advisor l'esclusività, ovvero farsi accompagnare da chi non è impegnato con altre banche sul tema del cosnolidamento "è un elemento che viene considerato. Chi fa cosa e per chi", ha aggiunto il presidente che non ha voluto dare indicazioni né sui candidati né sulla tempistica.

In generale "il processo (di scelta dell'adviser) è in corso, lo stiamo facendo seriamene ed è ad ampio raggio. Verrà scelto in modo molto ponderato", dice Anolli.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia