BORSA MILANO accelera al ribasso e cede oltre il 2%, pesanti le banche

lunedì 25 maggio 2015 10:36
 

MILANO, 25 maggio (Reuters) - La Borsa di Milano accelera al ribasso, fanalino di coda fra i mercati europei in una giornata in cui sia Londra sia Berlino sono chiuse per festività, così come Wall Street.

Sui mercati pesano i timori legati alla crisi del debito in Grecia dopo l'annuncio ieri di Atene di non essere in grado di ripagare al Fondo Monetario Internazionale la tranche di debito di giugno a meno di raggiungere un'intesa coi creditori. A questo si aggiungono le parole del numero uno della Fed Janet Yellen che venerdì ha suggerito che l'aumento dei tassi statunitensi arriverà quest'anno.

"I timori sulle Grecia aumentano la volatilità in una seudta dove i volumi sono molto bassi causa chiusura altri mercati", dice un trader.

Intorno alle 10,35 l'indice FTSE Mib cede l'1,99% e l'AllShare il 2,01%. Volumi intorno a poco sopra mezzo miliardo di euro.

La lettera si abbatte su tutto il listino e in particolare sulle banche con le big INTESA SP e UNICREDIT in calo rispettivamente del 2,3% e del 3,1%, mentre MPS non riesce ad aprire nel primo giorno di aumento di capitale.

Molto vendute anche SAIPEM in discesa del 3,37% e FCA in calo del 3,10%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia