Mps, non escluse manifestazioni per acquisizione o fusione prima di chiusura aumento

venerdì 22 maggio 2015 18:58
 

ROMA, 22 maggio (Reuters) - Banca Mps non esclude che possano arrivarle manifestazioni di interesse per essere acquisita o per una fusione, anche prima della chiusura dell'aumento di capitale da 3 miliardi che parte lunedì.

Lo si legge nel prospetto dell'offerta la cui conclusione avverrà attorno a metà giugno.

"Il realizzarsi di una operazione di aggregazione dipende, inter alia, da fattori esogeni che, come tali, sono in gran parte fuori dal totale controllo dell'emittente e che non è escluso possano materializzarsi, integralmente o parzialmente, anche prima della conclusione dell'aumento di capitale, tra cui: la ricezione di manifestazioni di interesse da parte di controparti interessate a un'acquisizione o a un'integrazione con il gruppo Montepaschi", è scritto nel prospetto, nei rischi connessi a possibili aggregazioni.

La banca ricorda anche di aver nominato UBS e Citigroup quali propri advisor finanziari per la strutturazione e l'implementazione delle azioni di mitigazione previste dal Capital Plan, nonché per valutare tutte le opzioni strategiche a disposizione della banca, fra le quali un'eventuale operazione di aggregazione con un partner strategico o finanziario.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia