Partnerre, socio Sandell chiede riconoscimento che offerta Exor potrebbe essere superiore

venerdì 22 maggio 2015 17:33
 

NEW YORK, 22 maggio (Reuters) - Sandell Asset Management, socio di PartnerRe contesa tra l'italiana Exor e Axis, ha inviato una lettera aperta al presidente del riassicuratore Usa, criticando il comportamento del board.

Sandell "ritene che il comportamento del board PartnerRe sollevi questioni sul suo impegno a una equa valutazione" e "non esiterà a esercitare il diritto di ritenere il consiglio responsabile verso i soci".

Sandell chiede inoltre a PartnerRe di riconoscere che l'ultima offerta Exor del 12 maggio "potrebbe ragionevolmente risultare" una proposta migliore di quella di Axis.

In precedenza PartnerRe ha annunciato che andrà avanti con l'operazione di integrazione con Axis, proponendo la fusione all'assemblea dei suoi soci.

"Il cda non ha cambiato la sua raccomandazione rispetto al merger con Axis Capital, che continua a sostenere", secondo una nota PartnerRe, in risposta all'ultima comunicazione di Exor di ieri sera che chiedeva fra l'altro a PartnerRe di ricoscere che la sua offerta è superiore.

La nota definiva anche "semplicemente non credibile" la versione delle dicussioni fra le parti data da Exor. Lo scorso 12 maggio la holding della famiglia Agnelli ha aumentato l'offerta tutta cash su PartnerRe a 6,8 da 6,4 miliardi di dollari, a 137,5 dollari per azione da 130. Exor, immediatamente non raggiungibile per un commento, ha annunciato nei giorni scorsi di detenere il 9,9% del capitale della società Usa, quota che la rende primo azionista.

Exor non aveva avuto commenti immediati.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia