BORSE ASIA-PACIFICO - Indice negativo, Pil Giappone sopra attese

mercoledì 20 maggio 2015 08:48
 

INDICE                        ORE  8,41    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                     504,60       -0,40    467,23
 TOKYO                         20.196,56    0,85     17.450,77
 HONG KONG                     27.565,49    -0,46    23.605,04
 SINGAPORE                     3.440,66     -0,39    3.365,15
 TAIWAN                        9.685,31     -0,32    9.307,26
 SEUL                          2.139,54     0,88     1.915,59
 SHANGHAI COMP                 4.438,96     0,48     3.234,68
 SYDNEY                        5.610,30     -0,09    5.411,02
 MUMBAI                        27.848,43    0,73     27.499,42
 
    
 20 maggio (Reuters) - Il principale indice di riferimento dei mercati azionari
dell'area Asia-Pacifico è negativo oggi, dopo la chiusura mista di Wall Street
ieri sera, ma il Pil giapponese più forte del previsto ha fatto registrare alla
borsa di Tokyo un nuovo picco da 15 anni.
    Intorno alle 8,40 italiane l'indice Msci dell'area Asia-Pacifico
, che non comprende Tokyo, perde lo 0,38%. 
    L'indice giapponese Nikkei ha chiuso invece la seduta a +0,85%,
mettendo a segno guadagni per la quarta seduta consecutiva.
    Ma anche se gli investitori trovano conforto nell'aumento del prodotto
interno lordo, alcuni avvertono che i dettagli non sembrano indicare una
effettiva ripresa economica sostenibile.
    "Le notizie sembrano buone, a giudicare dai titoli, ma se si guarda con
attenzione al contenuto, è un po' debole", dice Norihiro Fujito, senior
investment strategist per Mitsubishi UFJ Morgan Stanley Securities, che cita
giacenze di magazzino più alte mentre l'aumento degli investimenti nel business
è meno forte del previsto.
    In Cina brilla anche oggi SHANGHAI, grazie soprattutto
all'espansione dell'indice di Shenzhen SE Component, che è passato da 40 a 500
titoli, con un accresciuto peso del comparto tech a spese di quello finanziario
e quello immobiliare. La borsa è arrivata a guadagnare oltre il 2%, per poi
passare rapidamente a +0,5%. HONG KONG perde invece lo 0,44% circa,
mentre Prada guadagna lo 0,57%.
    Da segnalare anche la performance di MUMBAI, che segna +0,8%, e di
SEUL, +0,88%, ai massimi di tre settimane, grazie in particolare ai
titoli farmaceutici.
   Cede invece TAIWAN, anche se le compagnie aeree risentono
positivamente della recente diminuzione dei prezzi petroliferi. 
    SIDNEY cala al minimo da tre mesi e mezzo, trascinata al ribasso da
banche e compagnie minerarie, queste ultime colpite dai persistenti bassi prezzi
del ferro grezzo.
  SINGAPORE perde lo 0,40%, in calo per la seconda seduta consecutiva.
    
    
Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia