Fca coopererà con Nhtsa sui recall, ma costi aumenteranno - Marchionne

mercoledì 20 maggio 2015 08:54
 

DETROIT, 20 maggio (Reuters) - L'AD di Fiat Chrysler Automobiles, Sergio Marchionne, ha detto che coopererà con l'inchiesta avviata dalla National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) sulla gestione di 20 richiami di auto e sulle azioni intraprese, giudicate non sufficientemente aggressive, per riparare 10 milioni di veicoli interessati.

"Lavoreremo con l'agenzia in modo cooperativo...e andramo incontro alle loro richieste", ha detto Marchionne.

Il manager ha poi aggiunto che l'impostazione più dura verso i produttori di auto da parte dei regolatori sulla sicurezza negli Stati Uniti rappresenta "una nuova fase" nelle relazioni con l'industria e potrebbe tradursi in maggiori costi.

"Stiamo iniziando a vivere una nuova fase di regolazione negli Stati Uniti", ha detto Marchionne ai giornalisti dopo che il numero uno di Nhtsa, Mark Rosekind, ha criticato il modo in cui Fiat Chrysler sta gestendo i richiami.

Rosekind ha detto che l'agenzia potrebbe multare Fiat Chrysler fino a 700 milioni di dollari e obbligarla a riacquistare i veicoli. L'agenzia ha anche previsto un'audizione pubblica a luglio per esaminare il comportamento della società.

Marchionne ha poi aggiunto che "il differente atteggiamento dei regolatori potrebbe incrementare i costi della realizzazione dei veicoli a seguito delle misure addizionali che dovranno prendere i produttori di auto per ottemperare alle nuove norme di sicurezza".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia