Pensioni, per Cheli (ex Consulta) non risolto problema con una tantum

lunedì 18 maggio 2015 17:24
 

ROMA, 18 maggio (Reuters) - Secondo l'ex presidente della Corte costituzionale Enzo Cheli è difficile che si possa rispondere alla sentenza della Consulta con una una tantum, come annunciato oggi dal governo.

"Sono sorpreso che si possa rispondere con una una tantum. Se è una una tantum vuol dire che il problema resta: è come aggirare la sentenza della Corte. Se è un acconto va bene, altrimenti il problema rimane. La Corte ha lasciato al legislatore e al governo ampia facoltà nella scelta delle modalità e non ha definito una soglia", ha detto Cheli conversando con i giornalisti a margine di un convegno alla Luiss.

Il costituzionalista si è riservato un giudizio più dettagliato sul provvedimento dopo aver letto il decreto del governo.

Il consiglio dei ministri ha oggi approvato un decreto che prevede per le pensioni la cui indicizzazione nel biennio 2012-2013 era stata bloccata una una tantum pagata il prossimo promo agosto ed una indicizazione a partire dal 2016.

(Alberto Sisto)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia