Banda larga, Giacomelli vede una sola rete, nega contatti con Terna

venerdì 15 maggio 2015 11:47
 

PRATO, 15 maggio (Reuters) - E' difficile ipotizzare che in Italia ci possano essere diverse reti infrastrutturali per la banda larga visto che si sta faticando a costruirne una sola.

E' quanto dice il sottosegretario alle Comunicazione Antonello Giacomelli che smentisce anche contatti fra il governo e Terna sul progetto di sviluppo di una unica rete indipendente superveloce, come scrive oggi il Corriere della sera.

A margine di un convegno a Prato Giacomelli ha dichiarato che "teoricamente non c'è nessun problema" ad avere, oltre alla rete indipendente pensata dall'esecutivo anche quella dell'ex monopolista Telecom Italia che al progetto governativo finora oppone resistenza.

Ma in pratica, ha aggiunto, "sarebbe troppo chiedere una competizione sulle infrastrutture di nuova generazione".

Il sottosegretario conferma che Enel potrebbe essere della partita, partecipando alle gare sul territorio che il governo farà per operatori "non verticalmente integrati", come previsto dal piano strategico.

"Enel dà una disponibilità importante e spero che tutti gli operatori, a cominciare dall'incumbent [cioè Telecom Italia], valutino questa possibilità", ha detto l'esponente del Partito democratico.

Quanto a contatti in corso anche con Terna il sottosegretario ha risposto secco: "Non mi risulta".

Oggi il Corriere scrive che l'Ad di Terna Matteo Del Fante, avrebbe incontrato ai primi di maggio esponenti del governo per discutere di una partecipazione della società allo sviluppo del piano della banda larga.

Il piano governativo prevede investimenti pubblici per 6,2 miliardi ed altri 6 di investimenti privati per raggiungere gli obbiettivi di sviluppo della rete della banda larga entro il 2020, così come previsto dall'Unione europea.   Continua...