WDF, G.Benetton non teme slittamenti cessione a Dufry

giovedì 14 maggio 2015 13:25
 

14 maggio (Reuters) - Il presidente di Edizione Gilberto Benetton non crede che ci saranno slittamenti della cessione della propria partecipazione in World Duty Free a Dufry a causa delle contestazioni di un'azionista di minoranza, che sottolineava che l'offerta rivale di Boyu capital era più alta.

A questo proposito Consob ha confermato di star valutando l'operazione, procedura usuale nei casi di passaggi di proprietà di quotate.

"No, non ci penso neanche", ha risposto Benetton a chi gli chiedeva se quanto sta succedendo potrebbe far slittare l'operazione, confermando "i tempi programmati", ovvero il terzo trimestre.

"Abbiamo scritto alla Consob, probabilmente i cinesi non avevano capito il bando di gara che prevedeva che non ci potessero essere garanzie sul cambio di controllo, non potevamo proprio darle, questa era una premessa", ha spiegato il presidente di Edizione, sottolineando che alla fine Boyu Capital ha presentato un'offerta chiedendo garanzie sul cambio di controllo in alcuni aeroporti. La concessioni di tali garanzie avrebbe avuto potuto far prolungare l'operazione per un tempo indefinito e l'avrebbe resa rischiosa, ha spiegato.

"Crediamo di aver venduto molto bene, nell'interesse nostro e di tutti gli azionisti, meglio di cosi non si poteva fare, basta vedere i multipli pari a 13,5 volte l'Ebitda", ha aggiunto Benetton.

L'imprenditore ha poi spiegato di non aver ancora deciso come utilizzare la liquidità che arriverà da una tale operazione e che si stanno guardando attorno.

L'unica indicazione è a proposito del settore: "Cerchiamo sicuramente qualcosa di non regolamentato, perché ne abbiamo già parecchie (di concessioni)".

(Elisa Anzolin)   Continua...