Poste, Camera approva mozione per capillarità territoriale servizio

martedì 12 maggio 2015 17:37
 

ROMA, 12 maggio (Reuters) - La Camera dei deputati ha approvato oggi una mozione che impegna il governo a garantire la capillarità del servizio postale sul territorio, mentre continua la marcia di Poste Italiane verso la privatizzazione, che dovrebbe avvenire entro l'anno.

La mozione, presentata dai deputati di Sel, impegna l'esecutivo a "valutare l'impatto sociale e occupazionale della razionalizzazione degli uffici", dopo che il piano industriale dell'azienda prevede la chiusura di 450 uffici postali e l'apertura a giorni alterni di altri 609.

Ancora, il testo chiede che il governo si adoperi "per garantire la capillarità sul territorio e la permanenza degli uffici postali nei comuni rurali, montani e svantaggiati", manentendo la protezione sociale e il mantenimento dei "livelli occupazioni attuali di tutti i lavoratori impiegati presso l'ente".

Il bilancio 2014 di Poste Italiane ha registrato ricavi totali per 28,512 miliardi di euro e un risultato operativo di 691 milioni. L'assemblea degli azionisti ha anche deliberato il pagamento di un un dividendo di 250 milioni di euro al ministero dell'Economia, che controlla l'azienda al 100%.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia