UniCredit chiede riforma legge fallimentare,deduzione perdite più breve-Ceo

martedì 12 maggio 2015 15:30
 

MILANO, 12 maggio (Reuters) - UniCredit torna a chiedere una riforma della legge fallimentare e l'accorciamento dei tempi per l'ammortamento fiscale delle perdite per alleviare il problema delle sofferenze del settore bancario italiano, mentre ritiene che una bad bank promossa dal Tesoro non è indispensabile per le grandi banche.

Lo ha detto il Ceo Federico Ghizzoni nella conference call sulla trimestrale, sottolineando che si aspetta che il Governo "sia abbastanza vicino a comunicare qualcosa" sul tema.

"In termini generali mi piacerebbe vedere dei cambiamenti nella legge fallimentare con la riduzione dei tempi delle procedure e mi piacerebbe vedere la riduzione dei tempi per la deduzione fiscale delle perdite da 5 a 1 anno allineando l'Italia al resto d'Europa", ha spiegato.

"Una bad bank per le grandi banche non è indispensabile", ha proseguito Ghizzoni.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia