Banda larga, governo rispetta autonomia aziende, anche pubbliche-Renzi

martedì 12 maggio 2015 11:48
 

ROMA, 12 maggio (Reuters) - Il governo intende rispettare l'autonomia delle aziende, anche di quelle pubbliche come Enel , nella definizione dei piani industriali di sviluppo della banda larga sull'intero territorio nazionale.

Lo ha ribadito oggi il premier Matteo Renzi, che ha comunque confermato l'obiettivo strategico del governo di portare connessioni veloci in tutta Italia entro il 2020.

"I tempi previsti sono quelli della normativa europea, il 2020 è l'obiettivo massimo, anche se io vorrei essere all'avanguardia. Noi non entriamo nel merito dei piani industriali, neanche di aziende pubbliche come Enel, ma la banda la portiamo dappertutto, soprattutto al Sud", ha detto Renzi.

In una lettera all'Agcom del 14 aprile scorso, Enel controllata con una quota del 25% dal Tesoro, ha scritto che le proprie infrastrutture ad "elevata capillarità" potrebbero essere utilizzate per il dispiegamento di cavi in fibra con costi più bassi, in una mossa destinata ad aumentare le pressioni su Telecom Italia.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia