Mercato, necessario ridurre scalino normativo tra società quotate e non - Vegas

lunedì 11 maggio 2015 12:56
 

RHO (Milano), 11 maggio (Reuters) - Esiste uno 'scalino normativo' fra società quotate e non che premia la scelta di restare fuori dalla Borsa e che andrebbe ridotto per incentivare le imprese ad affacciarsi sui mercati.

E' quanto sottolineato dal presidente di Consob Giuseppe Vegas durante l'incontro annuale con la comunità finanziaria, che quest'anno si è tenuto all'interno di Expo.

"E' necessaria un'attenta analisi su come definire un sistema di incentivi per le imprese, che sia funzionale all'obiettivo di promuovere la crescita del mercato azionario, mantenendo fermo un adeguato lvello di tutela dei risparmiatori", ha spiegato Vegas, sottolineando invece che il sistema che si è creato innalza "in maniera ingiustificata lo scalino normativo fra le società, secondo che siano o meno quotate, tende a premiare la scelta di rimanere fuori dal mercato borsistico".

"Trattamenti differenziati disincentivano la quotazione e finiscono così per pregiudicare gli interessi degli investitori e dell'economia nel suo complesso", ha detto Vegas.

A questo proposito il presidente della Consob ha ricordato alcune modifiche normative che vanno nella direzione di una riduzione di questo scalino normativo e di facilitare le quotazioni, come ad esempio la rimozione del divieto di emettere azioni a voto multiplo o i cambiamenti introdotti sulla soglia per l'Opa.

"Un ulteriore tema oggetto di riflessione è quello dei controlli interni delle società quotate", ha aggiunto Vegas, sottolineando che al momento il sistema è complesso e costoso.

Il presidente Consob ha messo in evidenza che anche il tema dell'applicazione dei principi contabili internazionali al bilancio d'esercizio delle società quotate potrebbe essere affrontato.

Infine Vegas ha aggiunto che "è necessario facilitare il ricorso a modelli alternativi di amministrazione e controllo, il monistico e il dualistico" e "riconsiderare la disciplina delle attribuzioni del consiglio di amministrazione".

  Continua...