Exor, accordo per cessione Cushman & Wakefield, plusvalenza 722 mln dlr

lunedì 11 maggio 2015 07:35
 

MILANO, 11 maggio (Reuters) - Exor ha stretto un accordo per la cessione di Cushman & Wakefield a DTZ per un enterprise value complessivo di 2,042 miliardi di dollari.

Per la holding della famiglia Agnelli, che detiene il 75% fully diluted della società di servizi immobiliari, i proventi della vendita ammontano a 1,278 miliardi di dollari, con una plusvalenza di 722 milioni.

Il perfezionamento della transazione è previsto nel quarto trimestre.

L'operazione, dice una nota, "costituisce un'occasione unica per aggregare Cushman & Wakefield e DTZ", dando vita a "una delle più grandi società al mondo nel settore dell'intermediazione e dei servizi immobiliari"; opererà con il marchio Cushman & Wakefield.

Gli azionisti di DTZ, TPG Capital, PAG Asia Capital e Ontario Teachers' Pension Plan, si sono impegnati a investire nello sviluppo della nuova società, preservando e valorizzando l'eccezionale qualità del senior management e dei brokers di Cushman & Wakefield, sottolinea la nota.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Exor, accordo per cessione Cushman & Wakefield, plusvalenza 722 mln dlr | Notizie | Società Estere | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    19,328.41
    -0.78%
  • FTSE Italia All-Share Index
    21,132.48
    -0.66%
  • Euronext 100
    930.19
    -0.54%