CORRETTO-Unipol-Bnl, Cassazione conferma assoluzione per Fazio e altri 12

giovedì 7 maggio 2015 13:58
 

(Corregge anno tentata scalata)

ROMA, 7 maggio (Reuters) - La Cassazione ha confermato ieri sera il verdetto della Corte d'appello di Milano che nel 2013 ha assolto "perché il fatto non sussiste" dall'accusa di aggiotaggio l'ex-governatore di Bankitalia Antonio Fazio e altri 12 imputati per la tentata scalata di Unipol a Bnl del 2005.

Nel dicembre 2012, quando il reato si era già prescritto, la Cassazione aveva annullato con rinvio il primo processo di appello, che nel maggio dello stesso anno aveva assolto Fazio e gli altri per la tentata scalata.

Tra gli imputati, c'erano anche Francesco Gaetano Caltagirone, Carlo Cimbri, AD di UnipolSai, Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti, all'epoca dei fatti rispettivamente presidente e vicepresidente di Unipol, e gli immobiliaristi Danilo Coppola e Stefano Ricucci.

Fazio è stato condannato in via definitiva nel 2012 a due anni e mezzo di reclusione, sempre per aggiotaggio, nell'ambito della tentata scalata ad Antonveneta da parte della Banca Popolare di Lodi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia