BORSA MILANO prosegue correzione, giù Saipem, banche, bene Moleskine

giovedì 7 maggio 2015 11:59
 

MILANO, 7 maggio (Reuters) - Piazza Affari veleggia a ridosso dei minimi di seduta, in linea con l'andamento negativo delle altre borse europee, proseguendo quindi nella fase di correzione. Il mercato ha tentato un mini rimbalzo, ma poi sono prevalse le vendite.

"A tenere banco sempre i timori legati alla Grecia e quindi si prende profitto", osserva un trader.

Intorno alle 12,00 l'indice FTSE Mib cede l'1,4%, l'AllShare l'1,438%, mentre il benchmark europeo l'indice Ftseurofirst300 perde l'1,74%. Volumi pari a 1,6 miliardi di euro.

Vendute le banche con le big INTESA SP e UNICREDIT in calo rispettivamente dell'1,3% e dell'1,4%; lieve rialzo per Mps, mentre è lettera anche fra le popolari con l'eccezione di UBI BANCA, in salita dello 0,3%.

Pesante il settore energia sulla scia delle dichiarazioni di un esponente dell'Opec secondo cui non ci saranno tagli alla produzione: SAIPEM cede il 3,2% stornando dopo un periodo di rialzi e rompendo quota 12 euro, mentre la controllante ENI perde l'1,82%. L'indice settoriale europeo oil&gas lascia sul campo il 2,10%.

Sul fronte dei rialzi, in luce FINCANTIERI (+1,3%), mentre è negativa FINMECCANICA (-0,82%) dopo l'annuncio stamani di un contratto da 3,5 miliardi di euro per la costruzione di sette unità navali per la Marina Militare.

Spunti anche su MOLESKINE, in salita del 5,4% nel giorno in cui alcuni broker hanno rivisto al rialzo i prezzi obiettivo dopo i risultati del trimestre che hanno evidenziato ricavi e utile in crescita a doppia cifra.

Piatta TELECOM nel giorno del cda sui conti.

Venduto il lusso con FERRAGAMO che cede il 3,82% e YOOX il 2,65%.   Continua...