5 maggio 2015 / 14:13 / tra 2 anni

PUNTO 3-Pensioni, presto risposta, limitare impatto su conti - Padoan

* Padoan non vede manovra all‘orizzonte

* Fonte governativa: a studio decreto (Aggiorna con dettagli)

ROMA, 5 maggio (Reuters) - Il governo è al lavoro per dare “una risposta positiva alla Consulta” sulle pensioni nel rispetto della sentenza, ma che allo stesso tempo limiti l‘impatto sui conti pubblici italiani.

Lo ha detto il ministro dell‘Economia, Pier Carlo Padoan, in merito alla sentenza della Corte costituzionale che ha bocciato la scorsa settimana la norma del governo Monti che sospendeva l‘adeguamento all‘inflazione per le pensioni superiori a 1.400 euro nel biennio 2012-2013.

“Stiamo lavorando. Quanto prima definiremo il quadro quantitativo”, ha detto il ministro entrando a una audizione in Senato.

“Posso garantire che stiamo lavorando in tutte le direzioni per assumere una decisione conforme alle leggi e rispettosa della Consulta, ma che minimizzi i costi per la finanza pubblica”, ha poi aggiunto Padoan, ritenendo che “non ci sia una manovra all‘orizzonte”.

Una fonte governativa ha confermato a Reuters che entro il mese sarà varato un decreto legge sull‘applicazione della sentenza: “E’ chiaro che le conseguenze della sentenza saranno affrontate a breve con lo strumento del decreto legge, sul quale il governo sta lavorando”, ha detto la fonte.

Il blocco delle perequazione era previsto dalla manovra del decreto ‘Salva Italia’ di fine 2011.

La sentenza della Consulta ha un impatto diretto di circa 5 miliardi, che dovrebbe scaricarsi per intero sui bilanci del biennio 2012-2013.

C‘è però anche un effetto di trascinamento agli esercizi successivi, dovuto agli interessi maturati e alla rivalutazione del montante su cui si applicano i futuri adeguamenti, ancora tutto da quantificare: la Cgil arriva a stimare in quasi 10 miliardi l‘impatto complessivo della sentenza.

È da vedere, soprattutto, se la maggior spesa pensionistica sia compatibile con il quadro programmatico del Def, che limita al 2,6% del Pil l‘obiettivo di deficit per quest‘anno.

Ieri, il ministro del Welfare Giuliano Poletti ha escluso un‘imposta sui patrimoni per coprire il rimborso ai pensionati.

(Giuseppe Fonte e Roberto Landucci)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below