PUNTO 1-Cavalli, Clessidra acquista 90%, Trapani sarà presidente

giovedì 30 aprile 2015 15:40
 

(Aggiunge dettagli, portavoce Clessidra, fonte su valorizzazione)

MILANO, 30 aprile (Reuters) - Clessidra Sgr ha siglato l'accordo definitivo per l'acquisizione della maggioranza del capitale azionario di Roberto Cavalli.

Lo dice una nota congiunta, che non fornisce dettagli finanziari. La nota precisa che l'operazione prevede l'acquisto di una quota pari al 90% del capitale della maison fiorentina da parte di una società di nuova costituzione denominata Varenne. Il restante 10% continuerà a essere detenuto dal fondatore Roberto Cavalli.

Nell'azionariato di Varenne, società di cui Clessidra detiene la maggioranza assoluta, sono presenti alcuni co-investitori con quote di minoranza, tra i quali L-GAM, fondo di investimenti internazionale, e Chow Tai Fook Entreprises Limited, la holding basata a Hong Kong controllata dalla famiglia Cheng.

Il vicepresidente esecutivo di Clessidra, Francesco Trapani, per oltre 25 anni AD di Bulgari e poi Ceo della divisione orologi e gioielli di Lvmh, assumerà la carica di presidente di Roberto Cavalli. Il ruolo di AD sarà ricoperto da Renato Semerari, fino ad oggi 'president' del gruppo multinazionale Coty, quotato alla Borsa di New York.

Il closing dell'operazione è previsto nell'arco delle prossime settimane, dice la nota.

Contattato da Reuters, un portavoce di Clessidra ha affermato che "le cifre (sulla valorizzazione di Cavalli) circolate nelle settimane scorse non corrispondono con precisione ai valori reali", ribadendo che l'operatore di private equity "non renderà noti i termini finanziari della transazione".

Secondo quanto riferisce una fonte vicina alla situazione, Cavalli è stata valorizzata 380-390 milioni di euro, "per un multiplo di circa sedici volte l'Ebitda". La fonte sottolinea che "l'operazione prevede che la valorizzazione della casa di moda sia in parte conseguenza di una serie di fattori variabili, legati a componenti prospettiche, che ne rendono attualmente indeterminabile con precisione il controvalore".

Cavalli, fondata a Firenze negli anni Settanta, ha chiuso il 2014 con ricavi consolidati pari a circa 210 milioni di euro ed è presente in tutto il mondo grazie a una rete che oggi conta circa 200 boutique monomarca.   Continua...