April 29, 2015 / 11:14 AM / 2 years ago

PUNTO 2-Enel aperta a diverse soluzioni per Se, anche uscita parziale-Starace

3 IN. DI LETTURA

* Questa mattina l'incontro fra l'Ad e il premier slovacco

* Le parti si sono date un prossimo appuntamento a giugno a Roma

* Enel ha messo in vendita il 66% in Slovenske Elektrarne (Aggiunge nomi di società che hanno manifestato interesse)

BRATISLAVA/PRAGA, 29 aprile (Reuters) - Pace armata fra Enel e il governo slovacco sul destino di Slovenske Elektrarne (Se) dopo l'incontro di questa mattina fra il premier Robert Fico e l'Ad del gruppo elettrico italiano, Francesco Starace, che hanno deciso di riprendere il negoziato a giugno.

Per Starace ci sono diverse possibili soluzioni per rispondere alle richieste del governo slovacco di avere la maggioranza dell'impianto e vedere completata la ristrutturazione della centrale nucleare di Mochovce.

Oggi Enel detiene circa il 66% in Se a fronte del 33% di Bratislava.

Una soluzione prevede che lo stato slovacco salga al 51% e un altro investitore compri il resto. Enel non esclude neanche la vendita ora di alcune azioni in Se e una permanenza di lungo termine nell'azionariato con una quota minore. Un'altra soluzione potrebbe essere l'ingresso di un terzo azionista in Slovenske elektrarne accanto a Enel e al governo slovacco.

Starace ha anche detto che potrebbe andare avanti nel completamento dei lavori di ristrutturazione della centrale nucleare di Mochovce nei quali, ha ricordato, Enel è molto impegnata, e prendere una decisione successivamente.

E' questa una ipotesi che probabilmente piacerebbe più delle altre alla controparte perché sono proprio il rallentamento e la paura di una sospensione dei lavori agli impianti nucleari a preoccupare maggiormente il governo di Fico.

Nel frattempo, Enel completerà il processo formale di vendita del suo 66% analizzando le offerte di acquisto che potrebbero arrivare entro la deadline del 9 maggio. Poi discuterà con i propri azionisti e a giugno riprenderà il negoziato con Fico, che ha contestato apertamente la vendita, per trovare una soluzione.

Al gruppo italiano sono arrivate manifestazioni di interesse da parte di 4 aziende: le due società ceche Cez ed Eph, l'utility finlandese Fortum e il raggruppamento ungherese composto da Mol e dalla compagnia pubblica Mvm Group.

La cessione della società è uno dei punti salienti del programma di vendite da 5 miliardi che Enel ha deciso per finanziare i propri investimenti e ridurre il debito.

Il prossimo incontro fra il governo slovacco ed Enel si svolgerà in giugno a Roma.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below