Ue approva 12 nuove colture Ogm, soprattutto mangimi

venerdì 24 aprile 2015 16:38
 

BRUXELLES, 24 aprile (Reuters) - La Commissione Europea ha autorizzato oggi l'import di 10 nuovi tipi di colture geneticamente modificate e due tipi di fiori recisi, dopo un anno mezzo dalla revisione del processo di autorizzazione degli Ogm.

Bruxelles ha annunciato di aver dato via libera, per i prossimi 10 anni, a 10 nuovi tipi di mais, fagioli di soia, cotone e colza sia per l'alimentazione umana che per quella animale, oltre a due tipi di garofano.

In sostanza, le colture ogm di Monsanto, BASF e Bayer CropScience saranno usate principalmente come mangime.

La Commissione ha anche esteso per 10 anni l'utilizzo di altre sette ogm già prodotti da Bayer, Monsanto, Pioneer e Dow AgroSciences.

I nuovi prodotti vanno ad aggiungersi ai 58 già approvati dalla Ue.

Le nuove autorizzazioni sono le prime dal novembre 2013 e fanno seguito alla proposta di modificare le regole del processo di apporvazione degli ogm, consentendo a singoli paesi di restringere o proibire prodotti ogm importati anche dopo la loro apporvazione da parte della Ue.

Secondo Greenpeace, il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker non ha tenuto fede alla promessa di cambiare le regole che consentono l'immissione delle colture ogm sul mercato anche se la maggioranza dei paesi membrui sono contrari.

"Oggi (Juncker) ha aperto le porte a una nuova ondata di colture geneticamente modificate solo per compiacere le azinede biotech Usa e i negoziatori commerciali", dice l'associazione.

Per l'organismo di settore EuropaBio invece le autorizzazioni sono un passo nella giusta direzione, e ne beneficeranno gli allevatori europei. Secondo EuropaBio ci sono altri 40 prodotti in attesa di approvazione.

La decisione di oggi riguarda solo importazioni, non coltivazioni. A oggi, l'unica coltivazione ogm autorizzata in Eurora è il mais MON810 della Monsanto, in Spagna e Portogallo.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia